L’aiutomania. Quando l’aiuto dato all’altro è aiuto mancato a se stessi (di Pino Tartaglia)

2
569

L'aiutomania. Quando l'aiuto dato all'altro è aiuto mancato a se stessi Pino Tartaglia copertina

Questa è una riflessione dello psicologo Pino Tartaglia rilasciata inedita per il Jung Italia, sul tema che abbiamo già trattato in quest’altro articolo tanto letto:

🔎 Il mito del dare aiuto al prossimo

Buona lettura!


Aiutare qualcuno è diverso dal fare assistenza! Oggigiorno è molto in voga un comportamento che ho definito “aiutomania”.

L’aiutomania è una forma di onnipotenza molto diffusa in giro, spesso praticata anche in buona fede, che va da “io mi conosco molto bene e non ho bisogno di nessuno, tantomeno degli psicologi”, a “ti sbloccherò dal tuo problema a costo di…rimetterci le penne!”

aiutare il prossimo
L’arte di aiutare gli altri aiutando prima se stessi

Si sa, spesso chi non sa risolvere i propri problemi si impegna a risolvere quelli degli altri! L’ Italia si sa è un paese di santi, di eroi, di competenti di calcio e adesso è diventato anche un paese di psicologi!

Fanno gioco anche diverse discipline che hanno il loro valore nella misura in cui, facendone pratica, danno un minimo di consapevolezza verso se stessi ed il proprio corpo ma che non autorizzano di per sé ad inventarsi “guaritori”, spesso dal piglio pseudo sciamanico a tintura orientaleggiante.

Ecco che accade, non di rado, che l’aiutomane rimane imbrigliato nella rete patologica del rapporto transferale e si becca la patologia dell’aiutato.

Aiutare non è essere servizievoli con l’altro nè essere buonisti, aiutare è assumersi una responsabilità umana relazionale: è essere consapevoli del rischio di essere “contaminati” da quella relazione; che se non si è saldi e capaci di farlo diventa solo un atto narcisistico dalle conseguenze imprevedibili sulla salute e catastrofico sul piano della relazione stessa.

Quante volte ho sentito dire” mi sono fatto in quattro per lei, le ho donato tutto il bene possibile ed invece è andata via,ingrata, è sparita, forse sta con un altro”.

Onnipotenza infantile, presunzione ed ignoranza sono gli ingredienti dell’aiutomane.»

PINO TARTAGLIA
(di Napoli, Psicologo  Psicoterapeuta e Avvocato. Sito Web)

FINE.


 

«Si fa di tutto, anche le cose più strane, pur di sfuggire alla propria anima. (…) tutto, perché non si sa affrontare sé stessi.» (C.G.Jung)

«Lasciate cadere ciò che vuole cadere; se lo trattenete, vi trascinerà con sé. Esiste un vero amore che non si occupa del prossimo.»
(C.G.Jung – Libro Rosso, p.245)


ARTICOLI SULLO STESSO TEMA:

Il mito del dare aiuto al prossimo: non puoi intervenire sull’Altro, ma su di te.

Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome