Cos’è il Vuoto? Fisica e Mistica orientale si incontrano nel libro “Il Tao della Fisica”

Vuoto Fisica

Fisica e Mistica a confronto
sul tema del VUOTO.

Questo è uno di quei post tipici del Jung Italia in cui andrò a prendere degli estratti attorno ad un tema: il Vuoto. 

Gli estratti sono presi da uno dei saggi più belli e più di successo che abbiamo nel panorama scientifico circa le analogie (letterali, metaforiche e psicologiche) tra Fisica e antiche saggezze.
Sto parlando del Tao della fisica, del fisico Fritjof Capra, autore anche di altri interessanti libri che lascerò con un link alla fine del post.

Come al solito… ora passiamo la parola ai grandi!

Buona lettura!
Tao della Fisica
Il Tao della Fisica (Fritjof Capra) – Qui il link al libro!

«Il vuoto è ben lungi dall’essere vuoto. Al contrario, esso contiene un numero illimitato di particelle che vengono generate e scompaiono in un processo senza fine.

In questo aspetto della fisica moderna c’è dunque la più stretta corrispondenza con il Vuoto del misticismo orientale.

Analogamente al Vuoto dei mistici orientali, il «vuoto fisico» – come è chiamato nella teoria dei campi – non è uno stato di semplice non-essere, ma contiene la potenzialità di tutte le forme del mondo delle particelle.

Queste forme, a loro volta, non sono entità fisiche indipendenti, ma soltanto manifestazioni transitorie del Vuoto soggiacente ad esse. Come dice il sūtra, «la forma è vuoto, e il vuoto in realtà è forma». (Fritjof Capra – Il tao della fisica – Adelphi Edizioni, p. 258)

«Il vuoto in sé può essere concepito come un ‘Campo di campi’ o, più poeticamente, come un mare di potenzialità. Esso non contiene particelle e tuttavia tutte le particelle sorgono come eccitazioni […] al suo interno. […] Il vuoto è il substrato di tutto ciò che è.» (Danah Zohar – L’Io ritrovato – Sperlink & Kupfer, Milano 1990, p.263)

«Gli uomini hanno paura di abbandonare le loro menti, perché temono di precipitare nel vuoto senza potersi arrestare.
Non sanno che il vuoto non è veramente vuoto, perché è il regno della Via autentica.» (Huang-po)

Vuoto Universo
“Da tale vuoto assoluto… sboccia meravigliosamente l’azione.” (Da “Lo zen e il tiro con l’arco”, di Eugen Herrigel)

Il campo quantistico e il vuoto nella Fisica Quantistica

[Il campo quantistico] è un campo che può assumere la forma di quanti, o particelle. Il campo quantistico è un concetto completamente nuovo che è stato esteso ed applicato alla descrizione di tutte le particelle subatomiche e delle loro interazioni, facendo corrispondere a ciascun tipo di particella un diverso tipo di campo.

In queste “teorie quantistiche dei campi”, il contrasto della teoria classica tra le particelle solide e lo spazio circostante è completamente superato.

Il campo quantistico è visto come l’entità fisica fondamentale: un mezzo continuo presente ovunque nello spazio. Le particelle sono soltanto condensazioni locali del campo, concentrazioni di energia che vanno e vengono e di conseguenza perdono il loro carattere individuale e si dissolvono nel campo soggiacente ad esse.

Come dice Albert Einstein: «Noi possiamo perciò considerare la materia come costituita dalle regioni dello spazio nelle quali il campo è estremamente intenso…
In questo nuovo tipo di fisica non c’è luogo insieme per campo e materia poiché il campo è la sola realtà.»

Vuoto Fisica
Pellegrinaggi verso il vuoto. Ripensare la realtà attraverso la fisica quantistica (Shantena Augusto Sabbadini)

La concezione delle cose e dei fenomeni fisici come manifestazioni effimere di una entità fondamentale soggiacente non è solo un elemento di fondo della teoria dei campi, ma anche un elemento basilare della concezione orientale del mondo.

Come Einstein, i mistici orientali considerano questa entità soggiacente come la sola realtà: tutte le sue manifestazioni fenomeniche sono viste come transitorie e illusorie.

Questa realtà del mistico orientale non può essere identificata con il campo quantistico dei fisici, poiché essa è vista come l’essenza di tutti i fenomeni di questo mondo e, di conseguenza, è al di là di tutti i concetti e di tutte le idee. Il campo quantistico, viceversa, è un concetto ben definito che spiega solo alcuni dei fenomeni fisici.

Ciononostante, l’intuizione che sta dietro l’interpretazione che i fisici danno del mondo subatomico, in termini di campo quantistico, ha una stretta analogia con quella del mistico orientale che interpreta la propria esperienza del mondo sulla base di una realtà ultima fondamentale. (…)

Il Brahman degli Indù, il Dharmakaya dei Buddhisti e il Tao dei Taoisti possono essere visti, forse, come il campo unificato fondamentale da cui nascono non solo i fenomeni studiati in fisica, ma anche tutti gli altri fenomeni.

Fisica e Oriente

Nella concezione orientale, la realtà soggiacente a tutti i fenomeni trascende tutte le forme e sfugge a tutte le descrizioni e specificazioni. Di essa, perciò, si dice spesso che è senza forme, vacua e vuota.

Ma questa vacuità non dev’essere presa per semplice non-essere. Essa è, al contrario, l’essenza di tutte le forme e la sorgente di tutta la vita.

(…) I Buddhisti esprimono la stessa idea quando essi chiamano la realtà ultima Sunyata – “vacuità” o “vuoto” – e affermano che è un vuoto vivo che dà origine a tutte le forme del mondo fenomenico.

I Taoisti attribuiscono un’analoga creatività, immensa e incessante, al Tao, e anch’essi lo indicano come vuoto. “Il Tao dei cieli è vuoto e senza forme”, dice il Kuan-Tzu, e Lao-Tzu usa diverse metafore per illustrare questa vacuità. Egli spesso paragona il Tao a una valle profonda, oppure a un vaso eternamente vuoto e che quindi ha la possibilità di contenere un’infinità di cose.

(…) I saggi orientali fanno capire che essi non intendono la normale vacuità (…) ma, al contrario, intendono un vuoto che ha un potenziale creativo infinito.

Dunque, il vuoto dei mistici orientali è certamente paragonabile al campo quantistico della fisica subatomica. (…) Nella teoria dei campi, il campo è visto come la base di tutte le particelle e delle loro interazioni reciproche.

“Il campo esiste sempre e dappertutto, non può mai essere eliminato. Esso è il veicolo di tutti i fenomeni materiali. E’ il “vuoto” dal quale il protone crea i mesoni π.
L’esistere e il dissolversi delle particelle sono semplicemente forme di moto del campo” (W.Thirring, op. cit., p.159)

(Tratto da – Fritjof Capra, Il tao della fisica)


Qui alcuni libri consigliati sull’argomento Fisica e Mistica:

Tutto è uno. L’ipotesi della scienza olografica
(di Michael Talbot)

tutto-e-uno-michael-talbot

 

Bohm. La fisica dell’infinito
(di Massimo Teodorani)

bohm-la-fisica-dellinfinito

The following two tabs change content below.
Emanuele Casale
Fondatore del Jung Italia. Completa gli studi di secondo livello in psicologia Clinica presso l'Università Gabriele D'Annunzio. Interessatosi fin dall'età di 14 anni alla filosofia occidentale e orientale, a 16 anni inizia a interessarsi attivamente all'opera di Jung. A 22 anni risalgono le sue prime pubblicazioni tramite riviste e interventi in qualità di ospite o relatore presso alcuni convegni nazionali di psicologia. Intervista il nipote di Jung per la rivista di psicologia "L'Anima fa Arte". Attualmente collabora come studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e autori del campo della psicologia. Amplia la sua formazione soprattutto nel settore della psicologia complessa e delle ricerche sugli sviluppi del versante "Psiche e Materia" (Psicologia e Fisica)

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *