Sense 8: la serie tv sull’interconnessione empatica e psichica tra individui sconosciuti

Sense 8 recensione

Interconnessione psichica
tra individui simili

«In una cerchia si nasce nello stesso giorno.
Non importa quanto la cerchia sia dispersa per il mondo,
i suoi membri fanno il primo respiro all’unisono»

(Sense 8, puntata 8)

La nuova serie TV che parla di empatia e collegamenti telepatici tra diversi esseri umani che si trovano a grandi distanze tra loro.

Si chiama Sense 8, data alla luce dai fratelli (ora divenute sorelle 😀 ) Wachowski, i creatori di pietre miliari cinematografiche come Matrix e il più recente Cloud Atlas.

Ricordiamo che al tema dell’interconnessione psichica qui nel Jung Italia è già stato dedicato un post intitolato “Siamo realmente connessi ad altri? Scienza, poesia e cinema ce lo ricordano sempre”.

Protagonisti della serie sono questi 8 ‘sensate’ (senzienti), 8 individui sparsi per il mondo, sconosciuti tra loro e differenti per nazionalità, cultura, trame di vita…
eppure tutti e 8 collegati tra loro. Scoprono pian piano di poter comunicare tra loro e aiutarsi a vicenda nei momenti critici, comprendendosi profondamente e sentendo empaticamente la gioia e il dolore altrui, come ‘Angeli di una stessa famiglia’. Infatti si scopre subito che questi 8 sensate sono uniti all’interno di questa cerchia, costituita da loro stessi.

Vivendo la loro propria vita individuale, si accorgono di vivere in realtà pezzi di vita anche degli altri 8 sensate, e attraverso i rispettivi occhi dell’altro – telepaticamente – possono agire e guidarsi tra loro per aiutarsi: ognuno dona le sue peculiari abilità fisiche o psichiche all’altro in casi di pericolo e di bisogno. Una cerchia i cui membri vivono ognuno la propria vita, ma al tempo stesso pezzi di vita degli altri membri a cui sono collegati, a cui appartengono.

Le sorelle Wachowski, come anche nel capolavoro cinematografico Cloud Atlas e similmente alla serie tv Touch, ripropongono qui la tematica sempre più odierna dello sviluppo non-locale dell’empatia umana (ovvero a distanza), del collegamento psichico – a tinte sincronisticamente junghiane – tra esseri umani.

Sense 8 è visibile su Netflix (finora c’è tutta la prima stagione, e in primavera verrà trasmessa la seconda)

Qui un estratto video della puntata 8 e più giù il trailer in italiano!

(di Emanuele Casale)

Trailer di Sense 8:

 

Trailer della puntata speciale di Natale, che fa da preludio alla seconda stagione imminente:


«Angelica non credeva nella colpa. Diceva che essa è il presente visto dal passato.
Dobbiamo guardare avanti, altrimenti non sopravviveremo. […]

Angelica credeva che i ‘Sensate’ amassero nella forma più pura»
(Sense 8, puntata 8)

«La vera violenza, quella che ho riconosciuto come imperdonabile,
è la violenza che facciamo a noi stessi quando abbiamo troppa paura di essere chi siamo davvero.»

(Sense 8, puntata 8)

sense-8


 

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *