Bukowski e il suo mondo poetico infernale: cosi ne parla Marwan, poeta contemporaneo

3
7

Bukowski

Charles Bukowski viene qui descritto in alcuni suoi aspetti da Marwan, poeta contemporaneo spagnolo sempre più acclamato negli ultimi anni grazie al suo recente libro Tutti i miei futuri sono con te”.
Passo la parola direttamente a lui con queste righe tratte proprio dal suo bellissimo libro.

Buona lettura!


Quando penso a Bukowski me lo immagino da piccolo mentre fa il gioco del mondo all’inferno, lanciando coltelli invece che sassi, un bambino a cui la scriminatura la faceva il diavolo in persona. Suppongo che avesse ereditato quell’inferno interno dai suoi genitori, i quali a loro volta avevano ereditato il loro inferno interno da un sogno americano morto impiccato a una trave.

Nel cuore di Bukowski ululano lupi e suona una strana musica di tubature e molle arrugginite di brande di pensione. La sua era un’infanzia di bende insanguinate buttate a terra, la tenerezza era fuggita con un treno all’alba e forse era sua nonna quella che tra stufati e sguardi al passato gli lavava le camicie pensando che i sogni a volte non sono altro che un espediente da ubriachi che dicono la verità ma non la compiono.

Lo immagino mentre scrive i suoi primi racconti con le unghie sui muri di una cella, ricordando e usando come filo conduttore la zuffa che lo aveva portato in quella galera. Vi si sente odore di urina secca, l’umidità inclemente che impregnava l’anima degli uomini a cui assomigliava più di quanto forse non volesse. Su quegli scritti plana il fallimento come un parapendio su una spiaggia, senza perdere di vista le bagnanti nude, vedendo la bellezza da lontano, vedendo la bellezza irraggiungibile.

Bukowski

Bukowksi ha scritto la biografia di tutti gli ubriachi da quattro soldi, dei figli del nulla, degli uomini per cui un piatto caldo e un sorso di vino era quanto di più simile a un banchetto nuziale conoscessero. Tutte le sue pagine, per come le ricordo, sono impregnate dell’acqua marrone che gronda dai tunnel dell’autolavaggio, sono racconti di pelle carta vetrata. So che ripeteva spesso che lo scritto non era totalmente autobiografico, che altrimenti non sarebbe arrivato alla vecchiaia, ma quel che è certo è che non c’è un’anima che dopo aver letto uno dei suoi libri non si accorga che la parola cirrosi sta a Bukowski come un vestito di Prada a Cristiano Ronaldo.

La sua letteratura sa di contratto a tempo determinato, è letteratura a due dollari l’ora, poesie in cui donne scalcinate ridono con la faccia sgangherata, donne che lasciano che il primo sconosciuto le monti in un bagno allagato. Sono testi in cui due uomini spacciano in un garage e nessuno di loro sa cosa sia il futuro.

C’è anche il Bukowski della risata e nelle poesie si trova anche quello della tenerezza. Ci sono poesie memorabili di questo senso, ma il ricordo che normalmente se ne ha non è questo, bensì quello di un uomo che la vita ha condotto alle periferie di se stesso, trascinandolo talmente in basso che al suo fianco un nano parrebbe un campione olimpionico sul podio. Tutto quel che scrive rimanda a luoghi in cui muore di fame l’innocenza, luoghi in cui bottiglie di whisky rotolano su un rumoroso pavimento di legno, un pavimento che i passi farebbero scricchiolare clamorosamente, un pavimento che non ha mai visto passare sopra di sé nulla che potesse assomigliare alla bellezza.

marwan-poesie
Tutti i miei futuri sono con te (Marwan)

Libri di Bukoswki:
Il sole bacia i belli. Interviste, incontri, insulti

Bukowksi

Quando eravamo giovani. Poesie

Bukowksi

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa nascita del fanciullo divino (puer) a Natale. Alcuni passi tratti dal Libro Rosso di Jung
Prossimo articolo3 Libri gratis dal Jung Italia, per ringraziarvi dell’anno 2016 passato insieme!
Emanuele Casale
Fondatore del Jung Italia. Laureando in psicologia Clinica presso l'Università Gabriele D'Annunzio. Fin dall'età di 14 anni ho iniziato ad interessarmi alla filosofia occidentale e orientale e all'età di 17 anni scopro Jung. A 21-22 anni iniziano le mie attività di pubblicazioni tramite riviste di psicologia e interventi in qualità di ospite o relatore presso convegni e seminari di psicologia. Nel 2012 conosco in Svizzera uno dei nipoti di Jung, e l'anno successivo mi concede un'intervista speciale per la rivista di psicologia "L'Anima fa Arte". Attualmente collaboro come studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e diversi autori accademici e non. I miei studi d'approfondimento vertono sulla psicologia complessa e le ricerche sugli sviluppi del versante "Psiche e Materia" (Psicologia e Fisica)

3 Commenti

  1. Marwan è Molto probabile che tu non abbia un animo tanto sottile da capire la poesia di Bukowski ..saper leggere tra le righe!Urina e ruggine secondo me invece rappresentano la tua di anima..Bukowski era si crudo e pesante a volte ma saper cogliere sfumature così complesse e affascinanti nascoste tra le righe non è Sicuramente alla portata di tutti! Solo chi sa amare Bukowski può arrivare all’anima del suo-messaggio!!

  2. Bello questo articolo, però è come sospeso: chi è stato quindi Bukowski, un poeta o un folle a cui si è dato troppo risalto?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome