Carl Gustav Jung

Jung e sua moglie Emma

Le relazioni umane si fondano su ciò che è imperfetto, sul nostro lato “umano, troppo umano”

Come ho affermato più volte: È ciò che imperfetto che insegna ad amare Qui Jung ci spiega come le relazioni umane non si basano tanto su quanto in noi vi è di perfetto, differenziato, sviluppato, quanto piuttosto su ciò che ci rende umani, inferiori, bisognosi… In ultimo ho anche inserito uno stralcio di intervista dove ricorda come in alcune relazioni vi…

Portare a galla i contenuti inconsci: gli effetti, il peso e il compito del divenire coscienti [Jung, seminari Zarathustra]

Portare a galla i contenuti inconsci: gli effetti, il peso e il compito del divenire coscienti [Jung, seminari Zarathustra]

Introduzione (a cura di Emanuele Casale) Cosa accade quando integriamo realmente contenuti inconsci scomodi della nostra personalità? Cosa accade quando integriamo alcuni pezzetti della nostra Ombra personale? E quando integriamo alcuni contenuti dell’inconscio collettivo? Qui di seguito leggerai un bellissimo intervento che Jung tenne durante i suoi ? seminari sullo Zarathustra di Nietzsche (che tanto amava!), in cui parlerà di questo: descrive magistralmente in questo bellissimo…

La vita non vissuta accumula rancore verso di noi. Una lettera di Jung sulla perdita e l’andare avanti.

“Quando qualcuno nasce qui muore da qualche altra parte. Quando qualcuno muore qui nasce da qualche altra parte.” (Il Buddha) Una bellissima lettera che Jung inviò ad una sua amica in seguito alla perdita di suo marito… Il senso ultimo di questa lettera ci indica l’importanza di dover continuare a vivere, nonostante ciò che può succederci di spiacevole durante il…

Jung Barca Dangerous Method

Intervista impossibile a Jung: “ho accettato di lasciarmi trasportare dalla corrente”.

Intervista immaginaria a Jung, tratta dall’originale libro: A colazione da Jung “So che c’è una forza che sa dove condurci” lliot Sandler, redattore delle pagine di psicologia dell’Oxbridge Literary Review, scrisse a Jung nell’aprile del 1961 per proporgli un’intervista. Jung rispose che si sarebbero potuti incontrare prima dell’estate. A metà giugno Sandler venne a sapere che Jung era morto. Qualche…

Amare il proprio nemico? E se scoprissi che io stesso sono il nemico da amare?

Amare il proprio nemico? E se scoprissi che io stesso sono il nemico da amare?

E se scoprissi che io stesso sono il nemico da amare? Cosa accadrebbe? ccettare se stessi sembra molto semplice, ma le cose semplici sono sempre le più difficili… L’arte di essere semplici è la più elevata, così come accettare se stessi è l’essenza del problema morale e il nocciolo di un’intera visione del mondo. Ospitando un mendicante, perdonando chi mi…

Carl Gustav Jung nasceva oggi, il 26 luglio! Ecco come era da bambino e studente.

Carl Gustav Jung nasceva oggi, il 26 luglio! Ecco come era da bambino e studente.

Lo psichiatra Carl Gustav Jung nasceva il 26 luglio 1875 «…il figlio di uno che ha da venire per annunciare il Padre, un frutto che è più antico dell’albero su cui è cresciuto. […] Tu, nuova favilla della fiamma eterna, in quale notte sei nato? […] L’astro della tua nascita è una stella errante e mutevole.» (C.G.Jung – Libro Rosso,…

Per arrivare a comprendere l’Altro, impariamo a vedere prima noi stessi e le proprie tenebre

Ma come facciamo a parlare o a giudicare l’Altro, quando siamo ciechi perfino a noi stessi? ncora oggi dobbiamo essere estremamente prudenti per non proiettare troppo spudoratamente la nostra Ombra; ancora oggi siamo sommersi dalle illusioni proiettate. Un individuo abbastanza coraggioso per ritirare tutte queste proiezioni è un individuo cosciente della propria ombra. Un individuo siffatto si è accollato nuovi…

La torre di Jung a Bollingen: “un luogo dove è possibile essere ciò che fui, sono e sarò”

La torre di Jung a Bollingen: “un luogo dove è possibile essere ciò che fui, sono e sarò”

Jung e la sua torre a Bollingen «A Bollingen mi trovo nella mia più vera natura, in ciò che esprime profondamente me stesso. Sono, per così dire, l’«antichissimo figlio della madre». (Jung) Introduzione (di Emanuele Casale) Oltre la sua bellissima casa familiare a Kusnacht, sempre sul lago di Zurigo, Jung costruì questa bellissima torre in pietra, con l’aiuto di operai,…

Una vita per l’anima: 55 anni fa moriva Carl G. Jung, padre della psicologia moderna

6 Giugno 1961 : Moriva il più grande psicologo al mondo, Carl Gustav Jung. Dedicò la sua vita all’anima. Lo ricordiamo con alcuni inediti, racconti e testimonianze inedite! (di Emanuele Casale) «Nessuno sa quello che faccio; non è rappresentabile e non lo si può fotografare.» (Jung in un’intervista concessa a Cleonie Carroll Wadsworth, 1 Marzo 1954) Indice dell’articolo: Introduzione Tributo a Jung…

Lettera Psicologo

La commovente lettera di una paziente al suo psicologo, Jung: l’importanza dell’accettare

L’importanza del non rimuovere nulla, del rimanere integri nella tensione degli opposti Nel bellissimo libro-commento all’antico testo cinese “Il segreto del fiore d’oro”, Jung ci riporta uno stralcio di una commovente lettera inviatagli da una sua paziente sull’importanza dell’accettazione.   ecentemente ho ricevuto una lettera da una mia antica paziente, la quale descrive con parole semplici ma appropriate la trasformazione…