Relazioni

Jung e sua moglie Emma

Le relazioni umane si fondano su ciò che è imperfetto, sul nostro lato “umano, troppo umano”

Come ho affermato più volte: È ciò che imperfetto che insegna ad amare Qui Jung ci spiega come le relazioni umane non si basano tanto su quanto in noi vi è di perfetto, differenziato, sviluppato, quanto piuttosto su ciò che ci rende umani, inferiori, bisognosi… In ultimo ho anche inserito uno stralcio di intervista dove ricorda come in alcune relazioni vi…

Psicologia dell'Altro

Il mito delle psicologie relazionali, il mito dell’Altro. Scappare da Sè, tramite l’Altro e le relazioni

Ogni incontro che fai è un incontro con te stesso (di Emanuele Casale) Ho un semi-inconscio timore per le sempre più attuali ed esasperate “Psicologie dell’Altro”, delle “relazioni con l’Altro”. Non negandone l’imprescindibilità sul piano sociale, psicoterapico e clinico, devo però dire che nella mia piccola esperienza sono arrivato ad una conclusione, che in realtà più che conclusione è un immenso e grande…

Donne e psicologia: in ogni donna è presente l’immagine di un uomo, il suo Animus

Psicologia della donna Caratteristiche, dinamiche e fenomenologie dell’ANIMUS: l’immagine interiore dell’uomo presente in ogni donna. Alla fine del post troverete dei link di approfondimento specialistico – indispensabili – sulla natura di questi due complessi/archetipi in Psicologia, Anima e Animus. La donna interiore ad ogni uomo (Anima), e l’uomo interiore ad ogni donna (Animus). INDICE del post: Animus negativo e sue…

L’Amicizia: è riconoscere la musica che hai dentro in mezzo un mare di frastuono. Psicologia di un rapporto

L’Amicizia: è riconoscere la musica che hai dentro in mezzo un mare di frastuono. Psicologia di un rapporto

L’amicizia. Poetica di un rapporto sempre più raro «L’amore generò il mondo, l’amicizia lo salverà!» (Novalis) (di Emanuele Casale) Mi sembra doveroso dedicare un post sull’Amicizia, questa “sconosciuta”… Anche il nostro amato Jung aveva un grande amico, fin dall’infanzia, si chiamava Albert Oeri, e la loro amicizia durò fino alla morte. Albert fu determinante per Jung, specialmente nel momento del…

Duan Michals - The fallen angel

«E con le dita accarezzi questo abisso dell’anima» [Poesia di Giancarlo Fattori]

Una poesia di Giancarlo Fattori «Vieni. Tendi le tue ali d’albatro, ascolta, nel vuoto che m’è di fronte: al lamento sei sordo, al baratro; profonda risplende una notte d’acrilico, vapore informe di nebbia raggiante, la tua mano un tumulo magico, arcaico. Scompare il fossato nel volto di pietra, si dissolvono labbra dal sole scolpite, già sciolte nel vento, tinte sulla…

«Noi ci innamoriamo di quello che non esiste ma che sussiste e resiste» (di Giancarlo Buonofiglio)

«Noi ci innamoriamo di quello che non esiste ma che sussiste e resiste» (di Giancarlo Buonofiglio)

(di Giancarlo Buonofiglio) «Ci innamoriamo delle persone sbagliate, di immagini alterate, di parole accennate, di verità taciute, di frasi volute, della menzogna e a volte di una carogna. Di ciò che è presente e assente, ci innamoriamo del nulla, del vuoto, del niente. Come un desiderio che soffoca nel petto, negli occhi, nella testa, in quel che resta. Ci innamoriamo…

Amare è un’angusta occasione per il singolo di maturare – Versi di Rainer Maria Rilke

Amare è un’angusta occasione per il singolo di maturare – Versi di Rainer Maria Rilke

«Amare è un’angusta occasione per il singolo di maturare, di diventare in sé qualcosa, diventare mondo grazie ad un altro, è una grande immodesta istanza che gli vien posta, qualcosa che lo elegge, lo chiama a un’ampia distesa” (Rainer Maria Rilke) “Questo è il paradosso dell’amore fra l’uomo e la donna: due infiniti si incontrano con due limiti; due bisogni…

Quel “me” nel quale tu già da sempre abitavi – Poesia di Emanuele Casale

Quel “me” nel quale tu già da sempre abitavi – Poesia di Emanuele Casale

«Venni da te cercandoti negli altri, Brutalmente essi mi rimandarono a me,  quel me nel quale tu già da sempre abitavi. Immaginai che eternamente rimaniamo soli fintanto che l’universo e le sue stelle non riusciremo a osservare dentro.» (Emanuele G. Casale – Pescara 2014– Registrato con Licenza CC – Creative Commons . Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.) ————————–…

Quello “stare insieme” che non arriva però all’intimità. Il “noi” che sostituisce l’Io. (Berne; Barthes; R.Bach)

Quello “stare insieme” che non arriva però all’intimità. Il “noi” che sostituisce l’Io. (Berne; Barthes; R.Bach)

«Per pochi fortunati esiste qualcosa che trascende ogni classificazione del comportamento, ed è la consapevolezza; qualcosa che si leva al di sopra della rievocazione del passato, ed è la spontaneità; e qualcosa che è più soddisfacente dei giochi, ed è l’intimità. Ma sono tre cose che possono rivelarsi insopportabili e addirittura pericolose per chi non vi è preparato. Forse costoro…