Il sentimento della destinazione reciproca nella relazione d’amore (Mario Trevi)

1
5477
Mario Trevi Destinazione Reciprova amore Izis Bidermanas, Bord de Seine. Paris (1976)
Ph: Izis Bidermanas, Bord de Seine. Paris (1976)
Vi è molto spesso nella relazione tra due persone un sentimento archetipico di appartenenza e “destinazione reciproca”. Ce ne parla Umberto Galimberti attraverso le parole di Mario Trevi, psicoanalista junghiano.

Estratto da “Le cose dell’amore” di Umberto Galimberti

Libri d'amore
Le cose dell’amore (Umberto Galimberti)

«L’amore non rinnega il sesso e l’erotica, ma li fa ruotare intorno a quel “tu” che ognuno di noi, almeno una volta nella vita, sente come un “tu-destino”.

Questo “sentimento della destinazione reciproca”, come lo chiama Mario Trevi, non può essere compreso dall’esterno e sfugge anche a chi ne è coinvolto e che non riesce più a distinguere sé da quel sentimento che lo costituisce.

Scrive a proposito Trevi:

Nell’amore l’amante e l’amato si sentono reciprocamente “destinati”, mossi cioè da una forza che, da una parte, li separa e li governa e, dall’altra, rappresenta quanto di più specifico compete all’uno e all’altro.

Il “destino”, si sa, è bifronte: da un lato appare come forza cosmica, dall’altro è quanto di più singolare ci riguarda, quel che appunto ci rende “singoli”, inconfondibili, in un certo senso “soli”.

Si dirà: un sentimento non garantisce nulla, un sentimento può anche ingannare. Così è infatti. Un sentimento non ha alcuna realtà al di fuori della psiche che lo sperimenta, dunque nessuna garanzia ontologica. È un evento, non una res, una cosa. Si radica in se stesso.

Amore e Psicologia
Chagall

Per questo può apparire effimero come una falena o immortale come un dio. Non sappiamo cosa sia l’amore. Sappiamo solo che “abitandolo” l’amante si sente destinato all’amato e questo a quello.

E allora, per questo sentimento che non ha radici fuori di se stesso, si attua quel “miracolo” del tutto inesplorabile dell’ “entusiasmo amoroso”, in cui, dice Jaspers: “la singola persona finita diventa l’uno e l’assoluto”. […] 

L’ “io” e il “tu” avvertono di muoversi, anzi di “essere mossi” l’uno verso l’altro da distanze cosmiche, da tempi mitici inimmaginabili.

L’esser convenuti da spazi ed ere incommensurabili in un unico, definitissimo punto procura la ferma vertigine che afferra i pellegrini dell’assoluto, non importa se si tratta di mistici o di amanti. D’altra parte i primi hanno sempre impiegato il linguaggio dei secondi. Ognuno infatti, nell’amore, è assoluto per l’altro.”»

(Tratto da Umberto Galimberti – Le cose dell’amore, Feltrinelli 2004, p.35-36)

L'amore può durare
L’amore può durare? Il destino dell’amore romantico (Stephen Mitchell)

Qui una bellissima video lezione di Umberto Galimberti attorno alle “cose d’amore”

Leggi sul tema anche questi:

Amore abita la reciprocità dello sguardo. Gli occhi dell’amore. Psicologia e sguardo

L’altra faccia del tradimento. Psicologia del tradimento. Significato ed etimologia

Quando in amore il troppo “sano realismo” diventa una difesa e un’illusione (Umberto Galimberti)

Psicoanalisi e poesia. Tu sei ciò che Ami, non ciò che Ama Te: sei simbolo dell’amore che porti

I rapporti falliscono non perchè abbiamo smesso di amare, ma perchè abbiamo smesso di immaginare. (James Hillman)

Psicologia del matrimonio: le scelte inconsce del partner tra proiezioni e identificazioni

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.
Articolo precedente«Se ti sei innamorato una volta, sai ormai distinguere la vita dalla sopravvivenza» – di Umberto Galimberti (Le cose dell’amore)
Prossimo articolo«Trarre il raggio dall’ombra, o gran lavoro!» dal “Tractatus Aureus” di Ermete Trismegisto.
Emanuele Casale (Admin Jung Italia)
Fondatore del Jung Italia. Psicologo Clinico. Originario di Salerno, vivo a Roma. Fin dall'età di 14 anni ho iniziato ad interessarmi alla filosofia occidentale e orientale e all'età di 17 anni scopro Jung. A 21-22 anni iniziano le mie attività di pubblicazioni tramite riviste di psicologia e interventi in qualità di ospite o relatore presso convegni e seminari di psicologia. Nel 2012 conosco in Svizzera uno dei nipoti di Jung, e l'anno successivo mi concede un'intervista speciale in occasione della presentazione del "Libro Rosso" alla biennale di Venezia. Attualmente collaboro e lavoro come psicologo o studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e con diversi autori dell'ambito accademico e non. I miei studi d'approfondimento vertono sugli sviluppi odierni relativi alla psicologia complessa (analitica) e sulle ricerche inerenti il versante "Psiche e Materia".

1 commento

  1. Credo che la nostra vita sia legata alla terra in virtù dell’amore! Non conta il tempo. Conta l’immortalità dell’incontro, quando l’Uno si è realizzato.Grazie per queste pubblicazioni!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome