«Tu vivi le cose ultime…» – da una lettera di Andreas Lou Salomé a Rilke

1
968

Lou e Rilke2«…Perché questo è certo e vero: che tu sei l’uomo più simbolico che io conosca, e tu vivi le cose ultime, le conferme, per le quali la materia esistenziale si concentra solo di quando in quando per poterle rivelare; per questo tanto spesso tu non puoi vivere. Fin da bambino la vita è stata per te come un simbolo; già allora la madre non ti bastava e anelavi a una segreta e più profonda quiete dalla quale pervenire alla pienezza. E ancora oggi, in un’alterna necessità di solitudine e di impressioni, sempre lotti per “appropriarti” di nuovo dell’infanzia, ancora una volta, completamente, risurrezione, opera. Ah, tu non dovevi preoccuparti di nulla, quanto era tuo ti sarebbe accaduto e con tanta più certezza quando più sembravi disorientato, perché avveniva del tutto indipendentemente dalle tue intenzioni, in segni e miracoli. […] non ci fu neppure bisogno dello scorrere del tempo, già quei pochi giorni si dimostrarono superflui; compimento in sé, perfezione nell’attimo dell’accadimento.»

(Lou a Rilke – Gottingen, 5 Gennaio 1921)

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome