Essere vivi è essere presenti: guardare senza movente. Una storiella zen (Koan)

1
500

Buddha Meditazione Loto

 

Un bellissimo koan zen* (storiella zen) sull’importanza di cessare di “pensare” in maniera eccessiva, anche nei momenti in cui si dovrebbe semplicemente essere… presenti!

Direbbe un detto orientale: “Guardare senza movente”

Buona lettura!
101 storie zen
101 storie zen

Tratto dal libro di Thich Nhat Hanh:

“Un giorno il Buddha sollevò un fiore davanti a un pubblico di 1.250 monaci e monache. Non disse nulla per un periodo di tempo abbastanza lungo.

Tutti stavano perfettamente in silenzio e sembravano pensare intensamente, sforzandosi di vedere il significato dietro il gesto del Buddha.

Loto Buddha Meditazione

Allora, improvvisamente, il Buddha sorrise. Sorrise perché qualcuno nel pubblico sorrise a lui e al fiore…

Per me il significato di questo koan è abbastanza semplice.

Quando qualcuno prende un fiore e ve lo mostra, è perché desidera che lo vediate. Se continuate a pensare, vi perdete il fiore. La persona che non stava pensando, che era semplicemente se stessa, era in condizione di conoscere il fiore in profondità, perciò sorrise.

Questo è il problema della vita. Se non siamo completamente noi stessi, realmente nel momento presente, perdiamo tutto.”

FINE.

La via dello zen (Alan Watts)
La via dello zen (Alan Watts)

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome