Nelle relazioni è fondamentale accettare e abbracciare la diversità/alterità dell’altro. (Eldo Stellucci; Emanuele Casale)

1
2136

Amore l'altro relazione«Ognuno porta le proprie diversità, quelle straordinarie diversità che ci affascinano. Ma se io nego la tua diversità, nego la mia stessa unicità. E vivo l’intramontabile nostalgia dell’eterna solitudine…»
(Eldo Stellucci  – Registrato con Licenza CC – Creative Commons Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.)

«Stiamo portando, l’uno nella mano dell’altro, l’opposto in noi che entrambi conteniamo.
Io ti riporto al tuo opposto attraverso di me, tu mi riporti al mio opposto attraverso di te.
Entrambi siamo l’uno per l’altro simbolo dell’opposto che ci abita e che dobbiamo abbracciare,
perché non c’è vita senza di esso.
Ma forse mai si arriva insieme nell’abbracciarlo.
Amore è continuare ad accompagnare l’altro nonostante si sia giunti alla propria meta temporanea…
Amore è vedere il futuro dell’altro e averne cura come se fosse il proprio.
Ma dapprima si ama e si conosce la propria stella?
Curando la nostra antica stella
curiamo l’universo intero
nostro, e dell’altro.»
(Emanuele G. Casale –  Registrato con Licenza CC – Creative Commons Licenza Creative Commons.
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.)

 

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.
Articolo precedenteLa psicoanalisi divenne internazionale grazie a Jung: la salvò dalla setta Viennese portandola nel mondo
Prossimo articolo“Casa” è dove hai spazio per essere te. (Emanuele G. Casale)
Emanuele Casale (Admin Jung Italia)
Fondatore del Jung Italia. Psicologo Clinico. Originario di Salerno, vivo a Roma. Fin dall'età di 14 anni ho iniziato ad interessarmi alla filosofia occidentale e orientale e all'età di 17 anni scopro Jung. A 21-22 anni iniziano le mie attività di pubblicazioni tramite riviste di psicologia e interventi in qualità di ospite o relatore presso convegni e seminari di psicologia. Nel 2012 conosco in Svizzera uno dei nipoti di Jung, e l'anno successivo mi concede un'intervista speciale in occasione della presentazione del "Libro Rosso" alla biennale di Venezia. Attualmente collaboro e lavoro come psicologo o studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e con diversi autori dell'ambito accademico e non. I miei studi d'approfondimento vertono sugli sviluppi odierni relativi alla psicologia complessa (analitica) e sulle ricerche inerenti il versante "Psiche e Materia".

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome