Lettere tra Pauli e Jung. Fisica e Psicologia si incontrano attraverso due grandi scienziati

0
3234

 

Jung-Pauli

Fisica e Psicologia:

Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung

«La fisica quantistica ha reso maturi i tempi per un cambiamento, ritrovandosi in perfetta sintonia con le posizioni di James. Il collasso della funzione d’onda esibisce le stesse caratteristiche di scelta e determinazione della realtà attribuite alla coscienza.» (Piergiorgio Odifreddi)

«Pauli, insieme a Jung, ha lanciato, sulla base della fisica quantistica e della psicologia analitica, una sfida per una nuova visione della scienza, della storia della scienza e della filosofia della scienza, e ancora di più per una ‘nuova alleanza’ fra uomo e natura: per un nuovo e allo stesso tempo antico e arcaico ruolo della vita dell’umanità dentro la natura, dove, come in un sogno di Pauli, noi possiamo attraversare ‘l’arcobaleno come un ponte’ fra una nuova terra e un nuovo cielo.» (Enrico Antonio Giannetto – Jung e Pauli, L’emergere di una natura quantistica.)

Pauli-Jung-Graphik

«[…] E ciò mi porta a paragonare, le teorie della Fisica quantistica, al Suo principio della Sincronicità, per il quale, i fenomeni naturali, sfuggono a causalismi, o a criteri statistici, per essere ordinati dagli archetipi. Fino a poco tempo fa, in Fisica, causalismo e statistica, in un certo modo, garantivano, se si può dire, la ripetibilità del fenomeno; perché il fenomeno irripetibile era da ritenersi, “scientificamente”, non valido. Ma c’è una cosa, adesso, si è visto, che non si può riprodurre: la condizione psichica dell’osservante, la cui influenza sul fenomeno stesso, non può, in realtà ,essere eliminata. Essa è, per definirla, una “variante statistica”, che renderebbe, di fatto, i fenomeni irripetibili.”
(Lettera di Pauli a Jung, Zollikon-Zurigo, 24 novembre 1950, dal “Carteggio Pauli-Jung” curato da C.A.Meier, Edizioni “Il minotauro”)”Gli uccelli nati in gabbia pensano che volare sia una malattia.”

IL CARTEGGIO JUNG E PAULI. L’INCONTRO TRA PSICHE E MATERIA:
Jung e Pauli Carteggio

 

Questo volume presenta la traduzione italiana dell’ottantina di lettere che il curatore tedesco, lo psicoanalista C.A. Meier, è riuscito a reperire tra quelle scambiate nel periodo che va dal 1932 al 1957, fra Wolfgang Pauli, uno dei fisici teorici di punta della stagione della fisica di rottura della prima metà del secolo scorso e Carl Gustav Jung, fondatore della psicologia analitica che a sua volta presenta punti di rottura e di avanzamento rispetto alla psicoanalisi ortodossa. È stato un confronto vivo e vero, nel corso del quale ognuno dei due studiosi, teso a capire le ragioni e i modi di pensare dell’altro, si è spinto al di là del già noto, tanto da creare un linguaggio comune o, come gli stessi autori dissero, una “correspondentia” capace di intercettare i punti di contatto tra i concetti più nuovi dell’ermeneutica junghiana, quali la sincronicità, l’archetipo, lo psicoide ecc. e i concetti altrettanto nuovi della fisica quantistica in formazione, di cui Pauli è stato un grande protagonista. Da questa comune tensione è nato un esempio notevole e forse unico di dialogo tra studiosi di discipline apparentemente molto distanti fra loro, dialogo che avvenne nel corso di lunghi e faticosi anni di elaborazione e reciproca formazione.

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.
Articolo precedenteSiamo realmente connessi ad altri? L’esperimento dei “cervelli” che comunicano a distanza e la coscienza non-locale
Prossimo articoloQuel “me” nel quale tu già da sempre abitavi – Poesia di Emanuele Casale
Emanuele Casale
Fondatore del Jung Italia. Psicologo Clinico. Originario di Salerno, vivo a Roma. Fin dall'età di 14 anni ho iniziato ad interessarmi alla filosofia occidentale e orientale e all'età di 17 anni scopro Jung. A 21-22 anni iniziano le mie attività di pubblicazioni tramite riviste di psicologia e interventi in qualità di ospite o relatore presso convegni e seminari di psicologia. Nel 2012 conosco in Svizzera uno dei nipoti di Jung, e l'anno successivo mi concede un'intervista speciale in occasione della presentazione del "Libro Rosso" alla biennale di Venezia. Attualmente collaboro e lavoro come psicologo o studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e con diversi autori dell'ambito accademico e non. I miei studi d'approfondimento vertono sugli sviluppi odierni relativi alla psicologia complessa (analitica) e sulle ricerche inerenti il versante "Psiche e Materia".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome