11-12 Giugno – Bologna – Psicodramma: il sogno come teatro interiore

0
168

Psicodramma-Junghiano-COPERTINA

IL SOGNO: TEATRO INTERIORE

Workshop esperenziale
sullo Psicodramma Junghiano

 

Workshop di sensibilizzazione allo Psicodramma Analitico Junghiano:
week-end intensivo esperenziale condotto dal dottor Leonardo Seidita che si terrà a Savigno (BO) presso l’agriturismo Casa La Lodola.

Il dottor Leonardo Seidita è psicologo, psicoterapeuta gruppoanalista e psicodrammatista analitico junghiano. Conduce gruppi in ambito clinico e lavora da anni con bambini e adolescenti vittime di abuso e maltrattamento.
Conduce gruppi di psicodramma nella supervisione alle organizzazioni di lavoro, nella formazione e l’orientamento.
Ha condotto numerosi laboratori di Psicodramma e Dinamiche di Gruppo presso diverse scuole di teatro, in cui lo psicodramma junghiano viene utilizzato nello studio e nella scoperta del personaggio.

(più in basso troverete dei paragrafi che spiegano cos’è lo Psicodramma)

A CHI E’ RIVOLTO

Il workshop è rivolto a psicologi, insegnanti, educatori, operatori sociali, studenti universitari o a tutti coloro che vogliono conoscere e sperimentare la tecnica, il metodo ed il modello dello psicodramma analitico junghiano.
Non sono richieste competenze specifiche.

Il workshop ha carattere formativo e di sensibilizzazione alla metodologia attiva di conduzione dei gruppi.
Gli incontri hanno come obiettivo quello di far sperimentare ai partecipanti, attraverso la loro messa in gioco personale, la tecnica e il modello dello psicodramma analitico junghiano, attraverso il lavoro sul sogno e sulle matrici familiari e transgenerazionali.

Per i dettagli, costi, e date, scorrere la pagina fino a giù

Psicodramma Junghiano
Una sessione di psicodramma del dott. Leonardo Seidita

COS’È LO PSICODRAMMA

Lo Psicodramma è una tecnica, un metodo e un modello di psicoterapia di gruppo, basata sulla drammatizzazione anziché sulla parola, ideata nel 1921 dallo psichiatra e psicologo J. L. Moreno.

Etimologicamente rimanda al concetto di dramma, azione, compimento, e affonda le sue origini nei riti drammatici dei primitivi, come lo sciamanesimo. Mettere al centro dell’attenzione il dramma vuol dire concentrarsi sul peso dell’azione nella trasformazione delle dinamiche al di là dell’interpretazione verbale.
La drammatizzazione diviene un mezzo attivo che permette di ricreare e di esternare bisogni, sentimenti, emozioni, conflitti di ruolo, senza gli ostacoli che la vita reale impone e di sperimentare nuovi modi di essere, di viversi e di esprimersi. Attraverso la messa in atto sulla scena, il soggetto può sperimentare le diverse dimensioni della propria vita per stabilire collegamenti costruttivi fra di esse.

Psicodramma Junghiano
Una sessione di psicodramma del dott. Leonardo Seidita

Lo Psicodramma facilita così, grazie alla rappresentazione scenica, lo stabilirsi di un intreccio più armonico tra le esigenze intrapsichiche e le richieste della realtà, e porta alla riscoperta e alla valorizzazione della propria spontaneità e creatività.

A differenza di altre tecniche terapeutiche, che usano come strumento privilegiato la parola – lo scambio verbale tra terapeuta e paziente – lo Psicodramma si basa sulla drammatizzazione della propria storia passata e presente, dei propri sogni e delle proprie fantasie.

L’azione scenica e l’assunzione di diversi ruoli sono in grado di liberare la spontaneità e la creatività dell’individuo, costretta in ruoli sociali rigidi e cristallizzati, e di facilitare l’espressione più libera possibile di idee ed emozioni, mettendo fuori gioco i condizionamenti sociali e razionali.

Psicodramma Junghiano
Una sessione di psicodramma del dott. Leonardo Seidita

LO PSICODRAMMA ANALITICO JUNGHIANO

Si discosta in parte dal modello moreniano, perché cerca di coniugare in un’unica teoria aspetti della Psicologia analitica, dei gruppi e dello Psicodramma. È allo stesso tempo una tecnica, un metodo e un modello di psicoterapia gruppale, nasce e si sviluppa come tentativo di coniugare lo Psicodramma classico moreniano con la Psicologia analitica di Jung.

Mentre nello Psicodramma classico è fondante il mito della catarsi ritenuta di per sé terapeutica, considerata liberatoria e quindi fonte di cambiamento, nello Psicodramma analitico si associa all’effetto catartico della rappresentazione, insito nell’atto del drammatizzare, l’analisi.
L’obiettivo è quello di presentificare nel qui ed ora dell’azione, parti interne del soggetto per renderle visibili e parlabili.

Lo Psicodramma Psicoanalitico - di Edoardo Razzini. Clicca qui per averlo!
Lo Psicodramma Psicoanalitico – di Edoardo Razzini.
Clicca qui per averlo!

Per Moreno, uno degli scopi principali dello Psicodramma è che l’individuo diventi consapevole dei ruoli che abitualmente agisce nella vita, per acquisire poi la possibilità di accedere ad altre parti di sé prima negate. La dottrina junghiana sviluppa, invece, una metodologia originale che si fonda su una base teorica coerente, non semplicemente presa a prestito dalla Psicoanalisi, o dallo Psicodramma classico. Essa si contraddistingue per la concezione dell’inconscio e del sogno come teatro di personaggi interni e per la valutazione positiva della funzione creativa dell’immaginazione e dell’inconscio che dà luogo al concetto di Immaginale.

Psicodramma Junghiano
Una sessione di psicodramma del dott. Leonardo Seidita

Nel sogno si muovono come goffi o misteriosi personaggi in cerca d’autore, istanze interne, ora gridano, ora rimangono in silenzio, ora hanno l’intento di lanciare messaggi nel giorno, ora aspettano soltanto di essere guardate senza terrifiche paure, bisognose solo di un abbraccio.

Il modello dello Psicodramma Analitico Junghiano, consente di attualizzare nel qui e ora dell’ azione, quel lì e allora del sogno. Ed ecco che quei personaggi rivivono, prendono forma e corpo fisico, parlano, possono guardarsi e guardare il sognatore, si fanno portatori di messaggi che possono guidare scelte e sostenere intenti di trasformazione.

Lo Psicodramma analitico junghiano, in virtù della versatilità che lo caratterizza come tecnica, può essere utilizzato in contesti non prettamente terapeutici, come il counseling, la formazione, la supervisione e l’empowerment.

Approfondimento:

Psicodramma Junghiano
Una sessione di psicodramma del dott. Leonardo Seidita

DETTAGLI del Workshop:

  • Quando

Il workshop si svolgerà in due giornate: sabato 11 e domenica 12 Giugno 2016.

Accoglienza e registrazione sono previste nella mattina del sabato entro le ore 10:30.

Il workshop avrà luogo sabato dalle ore 11:00 alle ore 19:00 (con pausa pranzo) e domenica dalle ore 10:00 alle ore 17:00 (con pausa pranzo).

  • Costi

La quota di partecipazione è di 80 euro, comprensiva di vitto, alloggio e workshop, nella splendida cornice dell’agriturismo Casa La Lodola, immerso nella natura dei colli bolognesi, a 600 metri di altitudine.

  • Dove

Qui per indirizzo preciso e indicazioni per raggiungere il luogo: http://www.casalalodola.it

Casa La Lodola, Via S. Prospero, 3802, Savigno (BO)

Menù vegetariano e particolare attenzione ad eventuali intolleranze ed allergie che vi chiediamo di comunicare al momento dell’iscrizione.

I posti disponibili sono 25 che saranno assegnati ai primi che formalizzeranno l’iscrizione.

E’ necessario portarsi lenzuola singole o sacco a pelo; è altrimenti possibile richiedere la biancheria alla struttura al costo di 2,50 euro.

Psicodramma Junghiano



COME PARTECIPARE 

Per informazioni, prenotarsi e formalizzare l’iscrizione:

  • tramite l’apposito Evento Facebook (confermare l’iscrizione sempre telefonicamente)
  • tramite whatsapp o telefono al 3208678648


LIBRI sullo PSICODRAMMA:

Jacob L.Moren Psicodramma

Manuale di Psicodramma. Il teatro come terapia – di Jacob L.Moreno

 

L’opera rivoluzionaria con cui Moreno introduce il gioco e la rappresentazione scenica nel mondo della psicoterapia. Il più grande contributo alla teoria e alla tecnica dello psicodramma, il metodo terapeutico fondato sul linguaggio del corpo e lo sviluppo della spontaneità.


 

Sentimenti in scena - Donata Miglietta

              I sentimenti in scena. Lo psicodramma e le sue applicazioni  – di Donata Miglietta

 

Il libro di Donata Miglietta (Psicoterapeuta) ripercorre puntualmente la storia e le implicazioni
teorico-pratiche dello psicodramma ed è uno studio illuminante per comprendere come funzionano
emotivamente i gruppi, quali sono le caratteristiche della tecnica psicodrammatica
e come si può utilizzarla in ambito formativo.


 

Lo Psicodramma Psicoanalitico - di Edoardo Razzini

           Lo Psicodramma Psicoanalitico  – di Edoardo Razzini.

 

Lo psicodramma psicoanalitico e le tecniche connesse hanno da tempo un ruolo significativo nella psicoterapia istituzionale con pazienti gravi e con soggetti in età evolutiva e nella formazione degli operatori delle professioni di aiuto. Questa tecnica propone un’efficace integrazione tra comunicazione verbale e non verbale e offre un terreno di incontro nel quale si incrociano le dimensioni terapeutica, ludica e reale, facilitando l’espressione e la decodifica di scenari del mondo interno individuale e della fantasmatica familiare e gruppale. L’autore si propone il compito di organizzare in forma omogenea e ordinata il corpus teorico, tecnico e metodologico dello psicodramma psicoanalitico.


 

Psicodramma

  Lo Psicodramma Gruppoanalitico

– di Giulio Gasca

Qual’è la caratteristica che consente a determinate psicoterapie di indurre non un semplice adattamento ma un cambiamento profondo? L’analisi freudiana, quella junghiana, lo psicodramma e la gruppo analisi condividono la creazione di uno spazio teatrale, separato dalla realtà quotidiana, nel quale conflitti ed eventi passati possano essere rivissuti e assumere un nuovo significato. In particolare, nella gruppoanalisi soggettuale e nello psicodramma analitico, il gruppo costituisce lo spazio relazionale semireale in cui la drammatizzazione favorisce l’azione psichica, la presa di coscienza delle radici storiche e del comportamento attuale, la possibile apertura al cambiamento e a nuove prospettive da cui vivere la propria esperienza. Soprattutto nei pazienti psichiatrici gravi, il movimento espressivo, le relazioni dell’attività di gruppo, possono portare a significativi miglioramenti, ristabilendo un contatto tra il mondo interno che il paziente non riesce a controllare e la realtà esterna come linguaggio collettivo condiviso.


Psicodramma

Gli spazi dello psicodramma

I seminari del fondatore dello psicodramma (Moreno) a colloquio con i grandi interlocutori della sua epoca

 

 

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome