Rilke e l’infinita permanenza di ciò che fu, le immagini in cui noi duriamo.

0
1747

Rilke e le sue poesie sono alcune delle cose meravigliose per cui vale la pena vivere.

Qui di seguito una sua memorabile poesia dal titolo “Infanzia”, in cui con la sua estrema sensibilità poetica coglie una caratteristica peculiare del nostro rivolgerci all’infanzia: l’atemporalità e il perdurare di qualcosa che in noi rimane, continua, nonostante il tempo.

C’è un passo memorabile che ho riportato in un altro post in cui lo stesso Jung parla di questo sentimento di eternità presente nella sua infanzia ✍️

Ora lascio spazio al poeta…

BUONA LETTURA!


Rilke Poesie
Poesie (Rilke)

 

Infanzia

Si dovrebbe riflettere a lungo per parlare
di certe cose che così si persero,
quei lunghi pomeriggi dell’infanzia
che mai tornarono uguali –  e perché?

Dura il ricordo -: forse una pioggia,
ma non sappiamo ritrovarne il senso;
mai fu la nostra vita così piena
di incontri, di arrivederci, di transiti

come quando ci accadeva soltanto
ciò che accade a una cosa o a un animale:
vivevamo la loro come una sorte umana
ed eravamo fino all’orlo colmi di figure.

Eravamo come pastori immersi
in tanta solitudine e immense distanze,
e da lontano ci chiamavano e sfiorivano,
e lentamente fummo – un lungo, nuovo filo –
immessi in quella catena di immagini
in cui duriamo e ora durare ci confonde.

Poesie. 1907-1926 (Einaudi, 2014), a cura di Andrea Lavagetto

FINE.


 

➡️  QUI TROVI altri contenuti di Rilke

 

LEGGI ANCHE:

Carl Gustav Jung e il sentimento di eternità che scoprì nella sua infanzia

 

Servizi Jung Italia
Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome