📥 VISIONI: seminario di Jung. Ebook dell’introduzione + immagini

2
8742

Visioni seminario Jung

A fine pagina trovi il pulsante cliccabile per scaricare l’introduzione (+ i disegni delle visioni) che ho digitalizzato appositamente dall’originale!

Delle visioni di Christiana Morgan, sulle quali tenne un seminario dal 1930 al 1932, Jung disse:

«Il motivo per cui mi occupo di queste visioni è che esse ci forniscono un insight davvero meraviglioso sulle operazioni segrete dell’inconscio. Ci fanno vedere come l’inconscio elabori certi simboli…»

Il Seminario prende l’avvio dal caso di una donna americana di circa trent’anni, Christiana Morgan, seguita da Jung in un percorso analitico all’interno del quale si erano presentate visioni piuttosto articolate.

Le stesse visioni diventano, nel corso delle conferenze, un viaggio all’interno della psiche inconscia in un itinerario saturo di incontri di chiara natura archetipica.

Attraverso le straordinarie amplificazioni di queste immagini, Jung spalanca le porte all’intero universo della propria ricerca intellettuale e del proprio confronto con l’inconscio.

Abbandonando completamente la prospettiva della coscienza, che lo aveva in parte guidato nel corso dell’analisi, volge tutto il suo interesse al linguaggio immaginale.

E le immagini delle visioni, a volte punto di partenza della sua immaginazione attiva, rendono ragione della processualità dell’inconscio.

I singoli tasselli della teoria – l’Anima e l’Animus, l’inconscio individuale e collettivo, il processo d’individuazione – si connettono per formare, tramite le visioni, la visione della psiche e dei suoi processi.

L’agio e la naturalezza di Jung nel muoversi nel mondo simbolico non cessano mai di stupire. Dalla lettura del testo traspaiono la leggerezza e la vivacità di quel linguaggio colloquiale che Jung sapeva utilizzare con grande maestria, senza rinunciare ad argomentazioni complesse, a slanci di erudizione e a chiarificazioni sul piano clinico, che arrivano puntuali ogni qualvolta si teme di poter perdere il filo della narrazione.

La minuziosa trascrizione delle conferenze, a cura di Claire Douglas, comprende le riproduzioni delle pitture di Christiana Morgan le quali, a sostegno delle parole e al di fuori di esse, ritraggono la realtà della psiche.

Gli argomenti trattati da Jung, così come tutti quelli che riguardano aspetti più profondi e universali dell’uomo, mantengono inalterati la loro attualità e il loro interesse.

L’uomo di oggi, alla stregua dei partecipanti al seminario – non necessariamente addetti ai lavori – si scopre con l’identica brama di conoscenza di se stesso e del mondo dei suoi predecessori, anche i più remoti.

📥 OK! Ricevi il link per scaricare il libro nella tua email completando i campi qui sotto:

    Voglio anche ricevere materiale di psicologia gratuito, inviti a eventi e la newsletter del Jung Italia

    PS: se non ricevi subito l’email, riprova una seconda volta e attendi 10 minuti. A causa di un eccessiva richiesta da molti utenti il server potrebbe non inviare l’email istantaneamente.


    Servizi Jung Italia
    Donazione Paypal Jungitalia Puoi contribuire all’uscita di nuovo materiale gratuito che potrò mettere a disposizione per te e migliaia di altri lettori. Il Jung Italia è un progetto personale che porto avanti del tutto volontariamente, e ha fatto crescere e formare migliaia di curiosi, addetti e appassionati alla psicologia.
    Articolo precedentePuer e Senex in dialogo: dalla ferita del Puer alle cicatrici del Senex | SEMINARIO 8 giugno, Livorno
    Prossimo articoloIstituto Riza – Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ad indirizzo psicosomatico
    Emanuele Casale
    Fondatore del Jung Italia. Psicologo Clinico. Originario di Salerno, vivo a Roma. Fin dall'età di 14 anni ho iniziato ad interessarmi alla filosofia occidentale e orientale e all'età di 17 anni scopro Jung. A 21-22 anni iniziano le mie attività di pubblicazioni tramite riviste di psicologia e interventi in qualità di ospite o relatore presso convegni e seminari di psicologia. Nel 2012 conosco in Svizzera uno dei nipoti di Jung, e l'anno successivo mi concede un'intervista speciale in occasione della presentazione del "Libro Rosso" alla biennale di Venezia. Attualmente collaboro e lavoro come psicologo o studioso indipendente con associazioni, riviste scientifiche, scuole di psicoterapia e con diversi autori dell'ambito accademico e non. I miei studi d'approfondimento vertono sugli sviluppi odierni relativi alla psicologia complessa (analitica) e sulle ricerche inerenti il versante "Psiche e Materia".

    2 Commenti

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Per favore inserisci il tuo nome